A Slice of consciousness

2020022Slice14
2020023Slice15
2020027Slice19
2020025Slice17
2020024Slice16
2020026Slice18
2020020Slice12
2020021Slice13
2020018Slice11
2020016DSF10
2020015DSF9
2020014DSF8
2020013DSF7
2020012DESF6
2020010desf5
2020009DESF4
2019020DESF3
2019023DESF2
2019013Sdesfigurativo
previous arrow
next arrow

A Slice of Consciousness é una istantanea della coscienza in un momento preciso. La tela é la membrana che separa il mondo interiore da quello esteriore, e, in modo diretto o sinestetico, ogni colore rappresenta una impressione stampata su questa fetta di presente.

Un rosso puó essere rabbia o vergogna proiettate da dentro o un semplice oggetto rosso, un bacio, l’odore della benzina, segnali che ti manda il mondo. Il blu di una nuova idea con il tuorlo dell’entusiasmo che l’accompagna.

Le altre dimensioni del colore rappresentano gli aspetti che rendono soggettiva qualsiasi esperienza cosciente; il temperamento generale di una persona, che é la luminiscenza del colore usato, ci segue per sempre ed é il tocco che diamo alla realtá

L’umore del momento lo rappresento giocando con la saturazione del colore. Quindi l’umore nero puó trasformare il colore piú bello in un fango di se stesso, un giorno grigio appiattisce e allontana tutto ma quando scopri che l’allegria é a buon mercato anche gli odori o i suoni che percepisci si attenuano come il colorante dello zucchero filato.

Questa istantanea si regge su l’accenno di un corpo vestito con l’uniforme a righe da Manicomio. Perché alla fine si tratta sempre di follia. O sei il “normale” che per comoditá eredita il nonsenso di un sistema che tritura, brucia e estingue, o sei il “folle” che cerca di farsene sputare fuori.